.substr(en.gif,0,2).  .substr(it.gif,0,2).  
Mirko Capitanelli Vitelloni Band Juri Bittoni
Marco Casagrande Alfio Vernuccio Matteo Torregiani Claudio Fenucci Giacomo Paggi Luigi Sebastianelli Renato Ramazzotti Daniele Barigelli Giovanni Pellegrini Serena Api Gioele Gabarrini
Valid XHTML 1.0 Transitional


Serena Api (Voce femminile) Daniele Barigelli (Voce maschile)
Juri Bittoni (Sax Contralto) Mirko Capitanelli (Sax Contralto)
Marco Casagrande-Ugolino (Batteria) Claudio Fenucci (Sax Tenore)
Gioele Gabarrini (Tromba) Giacomo Paggi (Tastiere)
Giovanni Pellegrini (Tromba) Renato Ramazzotti (Trombone)
Luigi Sebastianelli (Trombone) Matteo Torreggiani (Basso)
Alfio Vernuccio (Chitarra)

Trombone: LUIGI SEBASTIANELLI

Nato a Jesi nel 1970, Luigi è quello che i grandi critici definiscono "un Musicista di spessore!

Dopo aver speso i primi anni della sua vita a correre dietro ad un pallone, ottenendo anche discreti risultati, Luigi ("Postì" per gli amici) decide di continuare a correre, ma stavolta dietro alla gnocca, disciplina assai meno faticosa che regala spesso maggiori soddisfazioni.

Luigi Sebastianelli

Con l'illusione che uno strumento chiamato "tromba" potesse in qualche modo portar beneficio alla sua nuova attività, Luigi, alla tenera età di nove anni si iscrive alla scuola di Musica della Banda Cittadina di Serra De' Conti della quale entra a far parte tre anni più tardi.

Corre l'anno 1984 quando ritroviamo il nostro Postì deluso e amareggiato: lo strumento tanto agognato con quel nome così propiziatorio, aveva sortito in realtà ben poco effetto con le fanciulle!

E' dunque così che Luigi si trova davanti ad un bivio: lasciare la musica o... raddoppiare?
Come potete ben immaginare il nostro vitellone, ben lontano dal demordere, ma altrettanto lontano dal capire che se suoni una tromba, non è detto che trombi, decide di passare al TROMBONE!

Si iscrive così al Conservatorio Rossini di Pesaro, dove segue brillantemente per quattro anni le lezioni del Maestro Brocculi, dopodichè, in preda al suo spirito ribelle decide di abbandonare tutto: le donne, la musica e la linea.

Mentre quest'ultima rimarrà un lontano ricordo, le donne, ma soprattutto la musica sono droghe molto potenti, e non se ne esce tanto facilmente, e così nel 1993 Luigi torna ad "imbracciare" il suo Trombone con la Shock 'n Blues Band, con la quale rimane fino al suo scioglimento nel 1997 (oh, la band si è sciolta eh... non il postì)!

Altra pausa, altro momento di riflessione che Luigi dedica esclusivamente alla sua futura moglie, dopodichè nel 2003 viene chiamato a far parte della Vitelloni Band con la quale conquista maturità, serenità, un figlio e un altra quindicina di chili, che lo porteranno ad avere la attuale conformazione!



top
Sito ottimizzato per una risoluzione minima di 800x600
by IronX.net